Homepage
  Chi siamo
  Il sogno
  Gli obiettivi
  Il miele
  I nostri servizi
  Associarsi
  I Corsi
  Novità
  La rivista
  La Cooperativa
  I Progetti
  Dicono di noi
  Appuntamenti
  Fotografie
  Dove siamo
  Contattaci
  Link
  Miele.so.it
  Storia
  Pubblicazioni
  Libri
  Bacheca
 
 
 Fotografie  
Fotografie > Fioriture e andamento produttivo > 2020

Livello superiore
 
 
Titolo: Polline nei cassettini anti-varroa

Descrizione: L'amico Luigi Pozzi ci ha inviato le immagini di cassettini antivarroa contenenti molti granuli di polline. L'apiario in questione è sito a Mazzo di Valtellino, a circa 650 m.slm !!! Il tempo stabile con giornate soleggiate, il cielo frequentemente sereno e terso e le temperature sopra la media hanno portato la vegetazione ad anticipare: nei giardini troviamo fiorito il profumato Calicanto (Chimonanthus Lindl), l'Erica (Calluna Vulgaris Seed) e il nocciolo (Corylus avellana). Per la diffusione che questa pianta ha in Valtellina, per la quantità di polline che produce, per la sua appetibilità da parte delle api è una fioritura particolarmente importante . E' inoltre una pianta rustica che si adatta a tanti ambienti e che quindi presenta una fioritura scalare che permette alle api un approvvigionamento abbastanza prolungato nel tempo. Ma è il periodo che fa giocare un ruolo chiave a questa fioritura: è pressoché l'unica fonte disponibile di polline ed è soprattutto il segnale che l'inverno è ormai alle spalle e che quindi gli alveari possono riprendere le attività: Il polline è infatti necessario per l'alimentazione della covata e la cospicua importazione è stimolata dalla sua presenza ed è al contempo uno dei principali stimoli per una maggiore deposizione. L'arrivo di api con polline e la sua presenza nel cassettino può essere considerato uno dei segnali indiretti che può far ipotizzare l'eventuale presenza di covata. Altri segnali da tener presente (oltre alla quantità di polline importata) sono, ad esempio, la presenza di uova e scaglie traslucide di cera cadute nel cassettino.
Come sempre succede in agricoltura una ripresa troppo rapida non è mai positiva. L'inverno non è alle spalle e gli abbassamenti termici sono dietro l'angolo. Famiglie che partono troppo presto sono maggiormente a rischio, bisogna seguirle ancora più attentamente per una molteplicità di fattori: per ora è bene che ogni apicoltore, tenga monitorati i propri alveari anche solo con l'osservazione del cassettino e dal traffico alle porticine.

Autore: Luigi Pozzi
Titolo: Polline in arrivo!!

Descrizione: 05/01/2020
L'amico Luigi Pozzi ci ha inviato le immagini di cassettini antivarroa contenenti molti granuli di polline. L'apiario in questione è sito a Mazzo di Valtellino, a circa 650 m.slm !!! Il tempo stabile con giornate soleggiate, il cielo frequentemente sereno e terso e le temperature sopra la media hanno portato la vegetazione ad anticipare: nei giardini troviamo fiorito il profumato Calicanto (Chimonanthus Lindl), l'Erica (Calluna Vulgaris Seed) e il nocciolo (Corylus avellana). Per la diffusione che questa pianta ha in Valtellina, per la quantità di polline che produce, per la sua appetibilità da parte delle api è una fioritura particolarmente importante . E' inoltre una pianta rustica che si adatta a tanti ambienti e che quindi presenta una fioritura scalare che permette alle api un approvvigionamento abbastanza prolungato nel tempo. Ma è il periodo che fa giocare un ruolo chiave a questa fioritura: è pressoché l'unica fonte disponibile di polline ed è soprattutto il segnale che l'inverno è ormai alle spalle e che quindi gli alveari possono riprendere le attività: Il polline è infatti necessario per l'alimentazione della covata e la cospicua importazione è stimolata dalla sua presenza ed è al contempo uno dei principali stimoli per una maggiore deposizione. L'arrivo di api con polline e la sua presenza nel cassettino può essere considerato uno dei segnali indiretti che può far ipotizzare l'eventuale presenza di covata. Altri segnali da tener presente (oltre alla quantità di polline importata) sono, ad esempio, la presenza di uova e scaglie traslucide di cera cadute nel cassettino.
Come sempre succede in agricoltura una ripresa troppo rapida non è mai positiva. L'inverno non è alle spalle e gli abbassamenti termici sono dietro l'angolo. Famiglie che partono troppo presto sono maggiormente a rischio, bisogna seguirle ancora più attentamente per una molteplicità di fattori: per ora è bene che ogni apicoltore, tenga monitorati i propri alveari anche solo con l'osservazione del cassettino e dal traffico alle porticine.

Autore: Luigi Pozzi
Titolo: Prime fioriture nei prati

Descrizione: Nella zona del Comasco sono già iniziate le prime fioriture nei prati e Marco Bianchi ci invia la foto di un ape su un Lamium purpureum e si scorge anche la Veronica persica in fiore

Autore: Marco Bianchi
Titolo: Fioritura del nocciolo

Descrizione: 3 febbraio 2020 - Il nocciolo sta fiorendo anche in area orobica, cioè nel versante della valle esposto a nord!! E' il segnale definitivo del risveglio generalizzato degli alveari. Mauro Diana ha catturato immagini splendide di api al lavoro su gli amenti maschili di questa pianta

Autore: Mauro Diana
Titolo: Fioritura del nocciolo

Descrizione: 3 febbraio 2020 - La raccolta di polline di nocciolo favorisce lo sviluppo delle prime covate. Una splendida foto di Mauro Diana di ape intenta a "bottinare" su nocciolo

Autore: Mauro Diana
Titolo: Fioritura del nocciolo

Descrizione: 3 febbraio 2020 - Le giornate calde degli ultimi giorni e la fioritura del nocciolo hanno risvegliato pienamente le famiglie che mostrano una intensa attività alle porticine. Una bella foto di Mauro Diana di api "bottinatrici" che rientrano cariche di polline

Autore: Mauro Diana
Titolo: Si intensifica la raccolta di polline

Descrizione: Le covate per svilupparsi necessitano essenzialmente di una alimentazione proteica. Il polline è la risorsa ottimale per soddisfare tale esigenza. Bello e significativo questo scatto di Mirko Leusciatti che ringraziamo.

Autore: Mirko Leusciatti
Titolo: Lamium purpureum

Descrizione: Nei prati compaiono i primi fiori di interesse apistico tra cui il Lamium purpureum fonte interessante sia per il nettare che, soprattutto, per il polline. Quest'ultimo è rosso e si nota bene sulle zampe delle bottinatrici ma anche sui favi dove viene stoccato.

Autore: Sara Baracchi
Titolo: Salici

Descrizione: Sono in piena fioritura molti salici: una fonte importantissima di polline per i nostri alveari

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Fioriture attuali

Descrizione: 19-03-2020 Le prime rosacee e i prunus iniziano a fiorire, sono il potente propellente per lo sviluppo delle famiglie. I salici hanno donato soprattutto il polline, ora è il momento del nettare e, nei favi del nido brilla un po' del nuovo raccolto

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Fioriture attuali

Descrizione: 19-03-2020 Anche i prati incominciano a presentare diverse fioriture: è ancora attivo il Lamium purpureo, nella sponda orobica le primule in quella retica stanno comparendo i primi fiori di tarassaco

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Ciliegi in fiore

Descrizione: 5 aprile 2020 La bellissima fioritura dei ciliegi da diversi giorni rallegra la nostra vista ed ormai è risalita e completamente estesa a tutte le pendici, fino alle quote più alte. I boschi ancora grigi o dai colori neutri dell'inverno sono ora costellati da questi batuffoli bianchi. Una gioia e una forte spinta anche per le api e per gli alveari che sono, in questa fase, in forte crescita di popolazione. La settimana prossima però si annuncia con cieli non sempre limpidi e temperature non sempre ottimali. Molti apicoltori conteggiano 40 giorni come intervallo fra la fioritura del ciliegio e quella dell'acacia, quindi .... intensificate i controlli degli alveari per prepararli nelle migliori condizioni a questo importante appuntamento!! Grazie alla dott.ssa Cinzia Leusciatti per la bella foto

Autore: Cinzia Leusciatti
Titolo: Ciliegi in fiore

Descrizione: 5 aprile 2020 La bellissima fioritura dei ciliegi da diversi giorni rallegra la nostra vista ed ormai è risalita e completamente estesa a tutte le pendici, fino alle quote più alte. I boschi ancora grigi o dai colori neutri dell'inverno sono ora costellati da questi batuffoli bianchi. Una gioia e una forte spinta anche per le api e per gli alveari che sono, in questa fase, in forte crescita di popolazione. La settimana prossima però si annuncia con cieli non sempre limpidi e temperature non sempre ottimali. Molti apicoltori conteggiano 40 giorni come intervallo fra la fioritura del ciliegio e quella dell'acacia, quindi .... intensificate i controlli degli alveari per prepararli nelle migliori condizioni a questo importante appuntamento!! Grazie alla dott.ssa Cinzia Leusciatti per la bella foto

Autore: Cinzia Leusciatti
Titolo: Fioritura del melo

Descrizione: In piena fioritura il melo, il servizio di impollinazione frutteti è in piena attività. Nella foto di Cinzia Leusciatti un ape su un fiore di melo varietà "Red love"

Autore: Cinzia Leusciatti
Titolo: Camelie in fiore

Descrizione: 16-04-2020 Nei giardini le Camelie sono in fiore e richiamano molte api

Autore: Sara Baracchi
Titolo: Agrifoglio in fiore

Descrizione: 17-04-2020 Anche l'agrifoglio è in fiore e richiama l'attenzione delle nostre amiche api

Autore: Sara Baracchi
Titolo: Finita la fioritura del Tarassaco

Descrizione: 22-04-2020 Il mese di aprile ci ha regalato una fioritura di Ciliegio prolungata che si è ormai conclusa anche alle quote più alte. Sul fondovalle e a media montagna è finita anche la fioritura del Tarassaco, altra importante fonte netterifera che ha contribuito fortemente allo sviluppo delle famiglie.

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Imminente la fioritura della Robinia

Descrizione: 21-04-2020 Questo lo stato dei grappoli fiorali della Robinia pseudo ACACIA nei pressi di Sondrio. Lungo il torrente Mallero e nei luoghi più esposti le piante sono già in fiore.

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Inizia la fioritura della Robinia pseudo acacia

Descrizione: 24-04-2020 In leggero anticipo rispetto allo scorso anno inizia la fioritura dell'acacia, nel giro di un paio di giorni segnalazioni in questo senso ci sono giunte da diverse zone: da Monza e Brianza, dal Lecchese e dalla Bassa Valtellina. Queste foto, effettuate oggi si riferiscono alla zona di Sondrio.

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Inizia la fioritura della Robinia pseudo acacia

Descrizione: 24-04-2020 In leggero anticipo rispetto allo scorso anno inizia la fioritura dell'acacia, nel giro di un paio di giorni segnalazioni in questo senso ci sono giunte da diverse zone: da Monza e Brianza, dal Lecchese e dalla Bassa Valtellina. Queste foto, effettuate oggi si riferiscono alla zona di Sondrio.

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Fioritura della Robinia

Descrizione: 25-04-2020 - Zona di Sondrio - Sempre più grappoli fiorali di Robinia si stanno dischiudendo, il profumo dei fiori incomincia a farsi sentire e quindi vuol dire che il nettare della pianta sta montando ai fiori. Le api però non hanno ancora iniziato la raccolta assidua ma per ora si limitano a viaggi esplorativi d raccolta, fra un paio di giorni, tempo permettendo, parte la produzione.

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Fioritura della Robinia

Descrizione: L'apice della fioritura della Robinia è appena passata, nella curva discendente dovremmo trovare però le maggiori soddisfazioni produttive se il tempo ci assiste. I grappoli fiorali che sono arrivati precocemente a maturare ora stanno appassendo e i fiori, ormai secchi, si staccano e coprono il sottostante suolo

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: La fioritura dell'acacia verso la chiusura

Descrizione: 14-02-2020 Lungo l'asta dell'Adda solo sulle cime si notano ancora fiori relativamente freschi mentre il resto è a terra o pende in attesa di cadere

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Fioritura della Robinia

Descrizione: 15-05-2020 Le intense e forti piogge hanno chiuso la fioritura della Robinia nel piano intorno a Sondrio fino a 500 m. Anche gli ultimi grappoli fiorali sono stati infatti dilavati dall'acqua battente. La fioritura ha ancora tenuto sopra la quota sopra indicata ma è probabile che le api del fondovalle non siano più in grado di ristabilire il contatto con questa fonte nettarifera. Chi procede da Sondrio verso Ponte in Valtellina seguendo la strada provinciale dei Castelli noterà come la stessa segna, in questo momento la zona di demarcazione fra l'area dove la fioritura è ancora attiva e quella sottostante dove si è già conclusa.

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Fioritura della Robinia

Descrizione: 17-05-2020 Le ripetute piogge hanno rapidamente chiuso la fioritura delle Robinie alle quote più basse. Nella zona intorno a Sondrio, sponda retica, la troviamo ancora attiva alla quota di 700 m. (nella foto boschi posti sopra la frazione di S.Anna). Nelle valli laterali e nelle zone più riparate si incontrano piante ancora fiorite anche a quote leggermente più basse.

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Fioritura della Robinia

Descrizione: 21-05-2020 La fioritura della Robinia è adesso attiva solo nella fascia più alta raggiunta da questa specie ovvero introno agli 800- 900 m.

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Castagno

Descrizione: 25-03-2020 Il Castagno ha gli amenti perfettamente formati e l'attacco del Cinipide è ben contenuto dall'insetto antagonista per cui la fioritura ha buone potenzialità. Grazie a Marco Bianchi per la fotografia

Autore: Marco Bianchi
Titolo: Rododendri

Descrizione: 25-05-20202 Ci giungono diverse segnalazioni di inizio fioritura del Rododendro a quota 1300 m. Nella foto un cespuglio fiorito in Val Fontana. Grazie all'ing. Paolo Ferrari che ha inviato la foto

Autore: Paolo Ferrari
Titolo: I Tigli

Descrizione: I tigli si stanno preparando alla fioritura ma quelli domestici sono già ampiamente visitati per la melata. Si ringrazia Marco Bianchi per la foto

Autore: Marco Bianchi
 
nereal.com . 05|20