Homepage
  Chi siamo
  Il sogno
  Gli obiettivi
  Il miele
  I nostri servizi
  Associarsi
  I Corsi
  Novità
  La rivista
  La Cooperativa
  I Progetti
  Dicono di noi
  Appuntamenti
  Fotografie
  Dove siamo
  Contattaci
  Link
  Miele.so.it
  Storia
  Pubblicazioni
  Libri
  Bacheca
 
 
 Fotografie  
Fotografie > Fioriture e andamento produttivo > 2008 > Aprile

Livello superiore
 
 
Titolo: Ciliegio (Prunus avium)

Descrizione: Montagna in Valtellina, 5 aprile 2008 quota 300
Il Ciliegio è la fioritura [n]nettarifera[/n] predominante di questo periodo.

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Melo

Descrizione: 20 aprile - le piogge e i ripetuti abbassamenti termici hanno prolungato notevolmente questa fioritura. Con il Servizio di impollinazione frutteti abbiamo portato, con i nostri apicoltori associati, alcune centinaia di alveari nelle aree frutticole della Valtellina. Sono state fino ad ora poche le giornate di sole che le api hanno potuto utilizzare per lavorare sui fiori di melo. Poiché le condizioni favoriscono anche lo sviluppo della ticchiolatura (crittogama che colpisce le foglie e poi il frutto) alcuni frutticoltori hanno utilizzato questi rari momenti di tregua dalle piogge per effettuare i trattamenti disturbando però notevolmente il lavoro delle api e mettendo quindi in forse l'allegagione, ovvero la fecondazione del fiore e quindi il passaggio da fiore a frutto. Si invitano pertanto gli amici frutticoltori ad effettuare i trattamenti fungicidi in orari che non disturbano il lavoro delle api e a tener presente che, per quanto gli anti crittiogamici non siano mortali per gli alveari, questi trattamenti, anche solo per l'azione meccanica del getto degli atomizzatori, hanno un potere abbattente per le api che stanno visitando i fiori irrorati. I tecnici dell'APAS e delle Cooperative hanno badato affinché gli alveari fossero posizionati in modo da non risultare nella cappa di particelle che gli atomizzatori creano; i frutticoltori comunque sono invitati a rispettare gli alveari e, soprattutto in prossimità di questi, effettuare il trattamento quando le api non volano e con la lancia. I trattamenti insetticidi verranno effettuati sono quando è finita la fioritura e i tecnici delle cooperative hanno dato ampia assicurazione che verranno diramati tempestivi avvisi.

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Ciliegio

Descrizione: Nella fascia altitudinale più bassa questa fioritura è giunta al tremine. Le molte giornate di pioggia hanno prolungato la fioritura ma non sufficientemente per renderla "importante" come nella scorsa stagione. Le api hanno potuto utilizzare pochi giorni per la raccolta ma comunque il nettare di questa pianta ha fornito, in molti casi, la spinta giusta per uno sviluppo consistente degli alveari.

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Erica arborea

Descrizione: 20 aprile - Presente nella fascia retica fino al "Colmen" di Dazio e all'inizio della Valchiavenna questa pianta conferisce un gusto eccellente ai nostri mieli. Solo pochi amici apicoltori riescono a produrre miele monoflorale perché difficilmente si dispongono di alveari pronti per la raccolta a melario in questa stagione.

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Alloro

Descrizione: 20 aprile - Pianta di scarso interesse apistico poiché è relativamente poco diffusa in Valtellina allo stato spontaneo, presente però in molti giardini per la sua eleganza. E' attualmente in fioritura e, ai piedi di queste piante si avverte un buon profumo delicato

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Eleganti fiori del sottobosco

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Biancospino (Crataegus monogyna)

Descrizione: 30 aprile - Fra le diverse rosacee che fioriscono in aprile troviamo anche il Biancospino, pianta molto apprezzata dalle api. Alcune varietà di questa pianta sono utilizzate per realizzare siepi e bordature di giardini ma poiché è pianta frugale e resistente si trova spesso allo stato spontaneo nei terreni abbandonati e/o marginali

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Tarassaco (Taraxacum officinalis)

Descrizione: Dente di Leone, Dente di Cane, Soffione ...
Ha tanti nomi perché è una pianta erbacea molto diffusa ed ha fiori gialli molto vistosi oltre ad essere apprezzata per le sue proprietà eduli e officinali.
Sicuramente è molto apprezzata anche dalle api che visitano con assiduità i suoi fiori; in molti contesti agricoli queste fioriture rappresentano un' importante fonte sia nettarifera che pollinifera per gli alveari.
Una fioritura che quest'anno è iniziata ad aprile e si protende, in parte, nel mese di maggio.

Autore: Giampaolo Palmieri
 
nereal.com . 05|19