Homepage
  Chi siamo
  Il sogno
  Gli obiettivi
  Il miele
  I nostri servizi
  Associarsi
  I Corsi
  Novità
  La rivista
  La Cooperativa
  I Progetti
  Dicono di noi
  Appuntamenti
  Fotografie
  Dove siamo
  Contattaci
  Link
  Miele.so.it
  Storia
  Pubblicazioni
  Libri
  Bacheca
 
 
 Fotografie  
Fotografie > Patologie ed altre avversità > Orso

Livello superiore
 
 
Titolo: Danni da orso

Descrizione: 01 - Credevamo fosse un rischio remoto ed invece il 2008 ci ha portato anche questa novità. Questo animale, introdotto nel Parco dell'Adamello nel aprile- maggio 2008, ha sconfinato e si muove fra la Valtellina e la Vacamonica. I primi danni agli alveari sono stati lamentati nella zona del passo del Mortirolo (apiario di Claudio Sassella). Poi a Corteno Golgi e ora a Sernio.
Da lunedì 5 maggio, per tre notti successive ha saccheggiato alcuni alveari dell'apiario di Mario Patroni. L'orso ha scelto solo gli alveari più forti e ricchi di miele: una volta rovesciate le arnie, i favi del melario, già ricchi di miele, sono stati mangiati. I favi da nido sono stati "assaggiati" ma il sapore acidulo e asprigno della covata non ha raccolto l'entusiasmo del plantigrado.

Autore: Mario Patroni
Titolo: Favi mangiati

Descrizione: 02 - I favi vengono "leccati" con robusti colpi di lingua: la parte in legno e l'armatura dei fili metallici rimangono intatti. Un buongustaio insomma !

Autore: Mario Patroni
Titolo: Le famiglie a volte sopravvivono

Descrizione: 03 - Mario ha rimesso a posto l'arnia e i favi. Il tempismo dell'intervento e il fatto che la regina fosse sopravvissuta dovrebbe permettere ad una famiglia di riprendersi.

Autore: Mario Patroni
Titolo: Ecco l'orso

Descrizione: 04 - La dott.ssa Ileana Negri ci ha gentilmente inviato due foto degli Orsi bruno dell'osservatorio eco-faunistico di Aprica.

Autore: Ileana Romina Negri
Titolo: Efficace intervento della Provincia di Sondrio

Descrizione: 05 - Molto efficace ed efficente l'intervento della Provincia di Sondrio che ha attivato una serie di collaborazioni ed interventi per ridurre al minimo i disagi determinati della presenza dell'orso

Autore: Caludio Sassella
Titolo: Incontri

Descrizione: 06 - L'Assessore all'Ambiente ed Agricoltura della Provincia di Sondrio, Severino De Stefani ha organizzato una serie di incontri che si sono rivelati molto fruttuosi. Ora gli apicoltori possono contare su una serie di riferimenti ed avere aiuti per avere cinzioni elettriche efficaci per difendere i propri apiari. Gli apicoltori che già hanno subito danni saranno compensati.

Autore: Claudio Sassella
Titolo: Grazie

Descrizione: 07 - Un grazie all'Assessore Severino De Stefani per il tempestivo intervento, al Dirigente Daniele Moroni, sempre molto sensibile alle problematiche apistiche, al Servizio di Vigilanza Caccia e Pesca ed in particolare a Valerio Quadrio. Un grazie anche al Direttore del Parco delle Orobie Valtellinesi, Claudio La Ragione che ha seguito con partecipazione questa problematica organizzando anche appositi incontri, si ringrazia inoltre il WWF che si è dimostrato molto disponibile e attento alle richieste degli apicoltori.

Autore: Claudio Sassella
Titolo: Primi danni da orso del 2016

Descrizione: Il riconoscimento dei danni è solo per gli apicoltori che hanno registrato le loro postazioni !!!!
Titolo: Primi danni da orso del 2016

Descrizione: Sono a disposizione un numero limitato di recinti elettrificati per proteggere gli alveari dall'orso ma verranno consegnati solo agli apicoltori in regola con la denuncia di possesso degli alveari!!!
Titolo: L'impronta dell'orso della Valchiavenna

Descrizione: Nel fango si nota molto bene l'impronta dell'orso e i lunghi unghioni che la caratterizzano

Autore: Giuseppe De Stefani
Titolo: Ancora in piena attività l'orso della Valchiavenna

Descrizione: Verceia (Sondrio), 4 maggio 2016 - "Nei giorni scorsi si sono avuti ulteriori riscontri della presenza dell'orso in Valchiavenna, nella zona di Verceia. In particolare domenica 1° maggio si è registrata una predazione a carico di capretto nella zona di Vico. Gli agenti della polizia provinciale hanno effettuato immediatamente il sopralluogo e recuperato il capretto che è stato analizzato dai veterinari dell'Istituto Zooprofilattico di Sondrio, confermando la predazione ad opera dell'orso. Il danno verrà risarcito integralmente, mediante l'assicurazione stipulata da Regione Lombardia, come succede sempre per i danni imputabili con sicurezza all'orso o al lupo, purchè i capi e gli allevamenti siano detenuti regolarmente". A dare la notizia è il presidente della Provincia di Sondrio, Luca Della Bitta.

IN ALTA VALLE - "In questi stessi giorni - prosegue Della Bitta in una nota - è stata segnalata la presenza di un altro orso nella zona dell'Alta Valle, avvistato domenica a Livigno da una coppia di persone, al confine con la Svizzera. Questo animale, segnalato anche dai colleghi svizzeri, non ha però effettuato nessuna predazione. Tutte le segnalazioni pervenute alla Provincia di Sondrio in quest'ultimo mese sono comunque relative ad animali timidi e schivi, che non mostrano confidenza nei confronti dell'uomo e non creano quindi nessun pericolo per l'incolumità pubblica. Anche le predazioni finora riscontrate, a danni di apiari e capre, non presentano carattere di eccezionalità ma rientrano nel comportamento dell'orso, in particolare in questo periodo, successivo all'uscita dal letargo".

GLI ACCORGIMENTI - "Al fine di evitare i danni è necessario adottare accorgimenti adeguati, come la posa di recinzioni elettrificate, o la custodia notturna dei greggi; ad esempio l'apiario dove si sono verificate le prime predazioni è stato subito protetto con recinzione elettrificata, e i danni non si sono più ripetuti. La Provincia di Sondrio si è attivata con la consegna di alcune recinzioni elettrificate in comodato gratuito, in varie zone della Valchiavenna, non lontano da dove si sono verificati i primi danni".

"La presenza di questi individui - conclude il presidente della Provincia - è comunque un segnale positivo e conferma il buon grado di naturalità della provincia di Sondrio. Invito come sempre i cittadini a comunicare tempestivamente alla Polizia Provinciale ogni informazione utile in merito".

L'INCONTRO - Venerdì 6 maggio, si terrà una serata pubblica, organizzata dal comune di Verceia, a cui parteciperà un esperto trentino, Carlo Frapporti, e il personale tecnico della Provincia di Sondrio, per spiegare alla popolazione la biologia dell'orso e i principali aspetti connessi alla convivenza con questa specie. Continuo è il lavoro del Corpo di Polizia Provinciale e del Servizio Caccia e Pesca della Provincia, unitamente ai veterinari dell'ASL e dell'Istituto Zooprofilattico di Sondrio, per monitorare la situazione e verificare tutte le segnalazioni pervenute.
Titolo: Orso?

Descrizione: 6-08-2018 Pochi giorni è stata accertata l'incursione di un orso in un apiario in Val Fontana, sabato 04 agosto è stata segnalata da Enzo Vanotti una nuova devastazione, questa volta nella vicina Val di Ronh, probabilmente effettuata dal medesimo animale

Autore: Enzo Vanotti
Titolo: Orso?

Descrizione: 6-08-2018 Pochi giorni è stata accertata l'incursione di un orso in un apiario in Val Fontana, sabato 04 agosto è stata segnalata da Enzo Vanotti una nuova devastazione, questa volta nella vicina Val di Ronh, probabilmente effettuata dal medesimo animale

Autore: Enzo Vanotti
Titolo: Orso?

Descrizione: 6-08-2018 Pochi giorni è stata accertata l'incursione di un orso in un apiario in Val Fontana, sabato 04 agosto è stata segnalata da Enzo Vanotti una nuova devastazione, questa volta nella vicina Val di Ronh, probabilmente effettuata dal medesimo animale

Autore: Enzo Vanotti
Titolo: Nuovamente l'orso !!!

Descrizione: Ormai non passa settimana che ci sia un apicoltore che segnala un incursione dell'orso. L'APAS ha già attivato le Guardie Provinciali per i rilievi del caso e per la stima dei danni. In questo caso l'apiario colpito si trova sopra Teglio.
L'APAS ha programmato per ottobre un incontro con i responsabili della fauna provinciale sul tema dell'Orso e le problematiche che questo animale comporta per il nostro settore

Autore: Vanni Tognolini
Titolo: Nuovo attacco dell'orso

Descrizione: Anche l'ultimo weekend di agosto è stato funestato dall'attacco di un orso ad una postazione di un apicoltrice. Questa volta l'apiario coinvolto si trova a Bianzone di Debora Righi a cui va la nostra solidarietà e il sostegno per ottenere la giusta compensazione del danno subito.
Titolo: Nuovo attacco dell'orso

Descrizione: Anche nell'ultimo weekend di agosto dobbiamo lamentare un nuovo attacco dell'orso che si aggira sul versante Retico. L'APAS ha sollecitato la consegna di recinti elettrificati, ma al momento purtroppo non sono disponibili per tutti gli apicoltori.
Titolo: Orso - un incontro per la popolazione dei territori interessati

Descrizione: La problematica dell'orso sta divenendo sempre più pressante e quindi si sta organizzando per il 19 ottobre p.v. un incontro sul tema dell'Orso in rapporto alla predazione di apiari ed alveari.
I Tecnici della Provincia di Sondrio hanno però previsto anche un incontro con la popolazione dei territori attualmente più interessati dalla presenza di questo plantigrado. Questa serata informativa per la popolazione si terrà venerdì 7 settembre alle ore 20:45 presso il centro sportivo Omar e Pietro a Bianzone (Sondrio)
Titolo: Orso: un nuovo attacco

Descrizione: 09-09-2018 Un nuovo attacco dell'orso, questa volta in Valmalenco, nel comune di Spriana, località Marveggia
Titolo: Orso: un nuovo attacco

Descrizione: 09-09-2018 Un nuovo attacco dell'orso, questa volta in Valmalenco, nel comune di Spriana, località Marveggia
Titolo: Reti anti orso

Descrizione: I nostri apiari finiranno tutti così impacchettati?

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Incontro sulla tematica dell'Orso

Descrizione: I Tecnici dell'Amministrazione Provinciale hanno indetto, avvalendosi dell'APAS e di ApiLombardia una serata per gli apicoltori dedicata all'orso
Titolo: Orso 2019

Descrizione: Dopo i molti alveari distrutti in Valtellina, l'orso specializzato e appassionato di covata e miele, pare che, raggiunta la maturità sessuale, si stia dirigendo in Trentino. Le femmine fortunatamente, per ora sono solo lì.
Nella foto danni a Corteno Golgi di oggi 25-04-2019

Autore: Stefano Taddei
Titolo: Orso 2019

Descrizione: Tra luglio e agosto dello scorso anno è comparso in Valtellina un Orso che si è specializzato nella predazione degli alveari operando prevalentemente nell'area fra Villa di Tirano e Spriana. Dopo il letargo invernale ha ripreso a colpire apiari. I danni sono a carico di diversi apicoltori. Fra i più colpiti citiamo Gabriella Caccialanza Meleri coinvolta con ben 24 alveari. Nell'emergenza ha posizionato una rete elettrificata come azione dissuadente nei confronti dell'Orso.

Autore: Giampaolo Palmieri
Titolo: Orso 2019

Descrizione: L'orso si sta dirigendo in Trentino per accoppiarsi con le femmine che lì si trovano. Lungo il percorso compiuto lascia una scia di danni che sicuramente sarà compensata dalla Regione Lombardia. Eppure l'amarezza che vive ogni apicoltore nel constatare la perdita dei propri alveari è veramente grande anche perché induce ad un senso di insicurezza e di precarietà del lavoro svolto.

Autore: Stefano Taddei
Titolo: Il filmato dell'orso che rovescia due alveari

Descrizione: L'orso che nei mesi estivi e in autunno dello scorso anno ha attaccato diversi alveari, al suo risveglio primaverile ha pensato di recuperare le forze con molteplici scorribande negli apiari. L'amica Gabriella Caccialanza ha perso ben 24 alveari alla fine di aprile ma sono stati diversi gli apicoltori danneggiati quest'anno. L'orso è giunto alla sua maturità sessuale e quindi si è finalmente messo in cammino alla ricerca di una femmina verso il Trentino. In questo pellegrinaggio non sono mancate le incursioni negli apiari posti sul suo cammino. Un amico ha piazzato una fototrappola avendo previsto il ritorno del plantigrado in un apiario già colpito. Sfortunatamente l'apparecchiatura è risultata posta lontano rispetto agli alveari che poi ha rovesciato. La figura e la massa dell'orso quindi si riesce solo ad intuire. All'esterno della prima arnia si nota uno "sciame" delle api superstiti del precedente attacco.
Le specie carnivore, o onnivore, come l'orso, hanno in natura l'importante funzione di controllare lo sviluppo demografico degli erbivori. L'orso è stato però ripopolato in un ambiente non totalmente naturale e quindi la convivenza con l'uomo non è semplice; gli animali da allevamento possono infatti diventare facile disponibilità alimentare. Queste reintroduzioni, o ripopolamenti, devono essere gestiti nelle giuste modalità, altrimenti si corre il rischio che diventino pericolose, anche per l'orso stesso.

Autore: filmato Stefano Taddei
 
nereal.com . 05|19