Homepage
  Chi siamo
  Il sogno
  Gli obiettivi
  Il miele
  I nostri servizi
  Associarsi
  I Corsi
  Novità
  La rivista
  La Cooperativa
  I Progetti
  Dicono di noi
  Appuntamenti
  Fotografie
  Dove siamo
  Contattaci
  Link
  Miele.so.it
  Storia
  Pubblicazioni
  Libri
  Bacheca
 
 
 Fotografie  
Fotografie > Patologie ed altre avversità > Varroa > Sintomi ed osservazioni > Nota di Cristina Palmieri

Livello superiore
 
 

Nota di Cristina Palmieri

Descrizione: 2 ottobre 2017
Ho un apiario problematico: per la sua posizione è soggetto a reinfestazione. Questo fenomeno è spesso molto subdolo, e quanto sta ora avvenendo lo dimostra bene. A luglio ho effettuato il blocco di covata. Tale tecnica è stata attuata con grande attenzione anche ai minimi dettagli, ho utilizzato ad esempio telai trappola abbinati a favi a celle a prevalenza maschili. Il trattamento con Apibioxal (acido ossalico) è stato effettuato nei primi giorni di agosto e la caduta è risultata molto contenuta; anche i favi trappola erano poco infestati. Sapevo però che non potevo dormire tranquilla. A fine agosto ho effettuato un test con strisce di Apivar sul 10% degli alveari: in media, ogni 5 giorni, ho registrato una caduta di 10/15 parassiti adulti. Decido quindi di trattare tutti gli alveari con Apivar.
La caduta è andata aumentando nel mese di settembre e ora la situazione ha dei picchi, come quello che vedete in foto (150 varroe circa, in 5 giorni). Gli alveari, grazie alla presenza del presidio sanitario, sono protetti dalla Varroa ma se avessi trascurato la situazione, ora avrei un apiario fortemente infestato e probabilmente anche con altre problematiche sanitarie perché risulterebbe indebolito il sistema immunitario degli alveari.
Che cosa stia effettivamente succedendo non lo posso sapere con certezza, ma probabilmente l'effetto combinato di saccheggi (nelle vicinanze ci sono apiari spesso trascurati e forse sciami stabiliti che stanno collassando) e di deriva delle api operaie (anche provenienti da altri alveari) o degli ultimi fuchi, hanno portato l'infestazione da un livello nettamente sotto la media, a esser ben sopra la soglia di guardia. Per questo bisogna essere sempre attenti, perché non basta seguire i protocolli, ma bisogna anche saper vedere cosa accade in apiario e anticipare le mosse del nemico.

Autore: Cristina Palmieri

 
 
nereal.com . 05|19