Homepage
  Chi siamo
  Il sogno
  Gli obiettivi
  Il miele
  I nostri servizi
  Associarsi
  I Corsi
  Novità
  La rivista
  La Cooperativa
  I Progetti
  Dicono di noi
  Appuntamenti
  Fotografie
  Dove siamo
  Contattaci
  Link
  Miele.so.it
  Storia
  Pubblicazioni
  Libri
  Bacheca
 
 
 Novità  
In questa sezione potete trovare le novità e comunicazioni degli ultimi due mesi che riguardano la vita dell'Associazione:


12/07 Variazioni di peso dell'alveare campione nel mese di LUGLIO 2018

Rilevazioni di Marco Moretti

01 luglio Kg 61,50 +1,20
02 luglio Kg 62,50 +1,00
03 luglio Kg 63,00 +0,50
04 luglio Kg 63,70 +0,70
06 luglio Kg 63,30 -0,40
08 luglio Kg 62,90 -0,40
09 luglio Kg 56,00 -6,90 blocco di covata
11 luglio Kg 56,30 +0,30
12 luglio Kg 55,80 -0,50
11/07 ALLARME VARROA

Come espresso nei nostri convegni "Strategia di lotta alla Varroa 2018" che si sono tenuti a Faedo Valtellino e a Sorico prevediamo per quest'anno una carica di Varroa sensibilmente più alta rispetto agli anni passati. Allarmanti in proposito le osservazioni del nostro Tecnico apistico attivo in Brianza, Cristina Palmieri. Su tre apiari visitati ieri due erano già in situazione di criticità con Varroa visibile sulle api o a spasso sui favi di covata. Nel terzo apiario la situazione si presentava nella norma poiché si erano verificati dei blocchi di covata naturali in conseguenza della produzione dei nuclei. Un quarto apicoltore, su consiglio del Tecnico ha effettuato una prova con il metodo ZAV ed ha registrato una caduta di ben 8 Varroe (su 200-250 api!!!!!).
Come più volte ribadito, verificare il grado di infestazione del parassita è molto importante NON PER DECIDERE SE FARE O MENO IL TRATTAMENTO ESTIVO - CHE RIMANE OBBLIGATORIO ED INDISPENSABILE - MA PER SCEGLIERE IL PROTOCOLLO PIU' ADEGUATO ALLA SITUAZIONE E I TEMPI DI INTERVENTO.
Invitiamo quindi gli apicoltori che hanno postazioni in fondovalle o in pianura ad effettuare una attenta verifica della presenza di Varroa.
Ricordiamo che gli alveari più produttivi sono quelli più a rischio. Spesso sono infatti quelli che hanno prodotto più cicli di covate e senza soluzione di continuità ad essere a maggior rischio di infestazione. Questi alveari, inoltre, beneficiano spesso di un effetto di deriva che inevitabilmente innalza il numero di parassiti (e permette loro un certo mescolamento genetico diffondendo la capacità di "resistenza" ai prodotti e ai protocolli utilizzati).
10/07 Ernesto Agnelli

Abbiamo appreso che è mancato Ernesto Agnelli, figura storica dell'apicoltura valtellinese. i funerali si svolgeranno a Sondrio, mercoledì 11 luglio, nella chiesa di San Rocco alle ore 16:30.
Nella sezione "I Progetti" e quindi "Informazione" un breve ricordo di Ernesto
06/07 Nota tecnica

Nella zona di Monza-Brianza la raccolta sembra essere finita da qualche giorno. In chiusura anche nella bassa Valtellina, ancora attiva nella Media e nella Alta Valtellina oltreché in alta montagna.
In alcune zone c'è raccolta su melata. Osservate alcune piante con Metcalfa (un produttore di melata non molto presente in Valtellina). Attenzione al miele-cemento (o "manna"). In realtà pare sia un tipo di melata raccolta senza che poi avvenga una adeguata trasformazione e apporto enzimatico. Per tale motivo cristallizza all'interno dei favi e in un modo tale da non essere più disponibile alle api per l'alimentazione e ne estraibile per l'apicoltore. Se si verifica tale raccolta sarebbe opportuno trasferire gli alveari.
03/07 Nota tecnica

Nella giornata odierna è previsto un rapido passaggio temporalesco con precipitazioni intense ma non tali da modificare sostanzialmente la situazione di siccità. Consigliamo in proposito di leggere l'articolo di meteosvizzera dal titolo "Quando piove?"

https://www.meteosvizzera.admin.ch/home.subpage.html/it/data/blogs/2018/7/quando-piove.html

In diverse zone il caldo e la penuria di precipitazioni sta condizionando il raccolto, accorciando di molto l'attività sul tiglio ma compensando con melata e con il rovo. Il castagno sembra ancora reggere, soprattutto in area orobica ed alzandosi un po' di quota.
30/06 Variazioni di peso dell'alveare campione nel mese di GIUGNO 2018

Rilevazioni di Marco Moretti

02 giugno Kg 48,10 +0,10
03 giugno Kg 48,10 +0,00
04 giugno Kg 47,90 -0,20
06 giugno Kg 47,70 -0,20
07 giugno Kg 47,70 -0,00
08 giugno Kg 47,60 -0,10
09 giugno Kg 48,00 +0,40
10 giugno Kg 48,30 +0,30
11 giugno Kg 48,90 +0,60
13 giugno Kg 48,50 -0,40
14 giugno Kg 48,70 +0,20
15 giugno Kg 49,20 +0,50
16 giugno Kg 50,20 +1,00
17 giugno Kg 51,70 +1,50
18 giugno Kg 52,70 +1,00 orfana , ridata una regina
19 giugno Kg 53,20 +0,50
20 giugno Kg 54,60 +1,40
21 giugno Kg 55,80 +1,20
22 giugno Kg 56,00 +0,20
23 giugno Kg 56,00 +0,00
24 giugno Kg 56,40 +0,40
25 giugno Kg 56,50 +0,10
26 giugno Kg 57,20 +0,70
27 giugno Kg 58,20 +1,00
28 giugno Kg 58,50 +0,30
29 giugno Kg 59,50 +1,00
30 giugno Kg 60,30 +0,80
28/06 Nota tecnica

Nonostante i frequenti temporali del mese di maggio e giugno la somma dei millimetri di pioggia caduti dall'inizio dell'anno sono sotto la media. L'ultima precipitazione registrata da Meteopiateda è del 13 ottobre (se si eccettua una "finta" di 0,2 mm il 24 giugno). Il caldo e il vento che frequentemente soffia sembrano "asciugare" la vegetazione ed il terreno sempre più velocemente. Le fioriture del castagno e del tiglio si sono così rapidamente esaurite sul fondovalle e, con una certa la scalarità, risalgono le pendici. Le api degli apiari posti in basso riescono, per ora, a seguire queste fioriture e si nota infatti che le famiglie non rimangono oziose ma gli incrementi di peso degli alveari sono piuttosto contenuti. La fioritura di castagno e del tiglio rimane ancora pienamente attiva in sponda orobica. In zona retica queste fioriture si stanno esaurendo con maggiore velocità anche se, nelle valli affluenti resistono in nicchie produttive e particolari. Se la situazione climatica non muta è probabile che per gli apiari posti nel fondovalle, fra pochi giorni, la stagione può dirsi conclusa.
18/06 Festa patronale di Sondrio - sede APAS e Cooperativa chiuse

Si ricorda che il 19 giugno è la Festa patronale di Sondrio - SS. Gervasio e Protasio - la sede APAS e la Cooperativa resteranno quindi chiuse
18/06 Nota tecnica

Siamo in piena fioritura del Castagno e del Tiglio ma gli alveari non sembrano pienamente rispondere. Finita la raccolta sulla robinia molti alveari infatti hanno avuto una battuta d' arresto. Come è prassi le api durante questa raccolta avevano intasato i nidi per impedire alla regina la deposizione e trasformare rapidamente le api nutrici in bottinatrici. Alla fine della fioritura dell'acacia però è così mancata una generazione di api e gli alveari sono risultati con una popolazione un po' più ridotta. In alcuni casi una sciamatura tardiva e inaspettata ha ridotto drasticamente la popolazione e miele già accumulato negli alveari. Sono state segnalati apiari in cui le api hanno preferito la sostituzione delle regine alla sciamatura ma anche così si è dovuto registrare un parziale blocco della covata.
Le raccolte quindi sembrano per ora segnare un po' il passo, anche se non in tutte le zone. Molto attiva invece la raccolta di polline che arriva, in alcuni casi, ad essere così cospicua da intasare i nidi e tale quasi da provocare una riduzione delle zone a disposizione per la deposizione della covata.
13/06 Accreditamento

Sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia n. 14 del 4 aprile 2018 è stato pubblicato il Decreto del dirigente struttura n. 4149 del 23 marzo 2018 ad oggetto "Approvazione del piano integrato per il controllo della malattie infettive e infestive delle api in Lombardia"
In tale documento si trovano le indicazioni alle aziende per ottenere l'accreditamento. L'estratto del BURL è disponibile in questo sito nella sezione "I Progetti" e quindi "Normativa: Pacchetto Igiene e accreditamento" file "accreditamento"
11/06 Nota tecnica - fioriture attive

Nella zona di Sondrio in questo momento sono attive diverse fioriture importanti ai fini produttivi. L'Ailanto ha superato la piena fioritura e il rovo ha iniziato già da tempo ma data la sua scalarità è probabile che ci accompagnerà per diverso tempo. Il castagno ha già richiamato il vivo interesse per le api che in questo momento stanno bottinando in particolare il suo polline ma molte piane sono già passate alla produzione anche di nettare per cui all'esterno degli alveari si sente il buono e tipico profumo di castagno con le sue tipiche note marcate e gravi. Il tiglio ibrido (quello dei viali) è già in piena fioritura ed è all'inizio anche la fioritura delle varietà spontanee del Tilia cordata che troviamo nei boschi.
In alta montagna il buon innevamento ha ritardato la fioritura del rododendro specie nelle aree di accumulo e il quelle poco esposte mentre è già da tempo attiva alle quote più basse (1.000-1.200 m. di quota)
11/06 Nota tecnica - sciamature

Quest'anno stranamente si assiste ad una ripresa della sciamatura a raccolta dell'acacia finita. Raramente il periodo di sciamatura è stato così tardivo!! Certamente il controllo del nido è ora più difficile e quindi anche il contrasto a questo fenomeno si presenta complesso e, sostanzialmente, non praticabile quindi ....
controllate gli alberi vicini al vostro apiario :-))
... soprattutto se trovate alveari spopolati senza ragione
07/06 Prezzi minimi per la vendita al dettaglio del miele della Valtellina

Proponiamo i prezzi minimi indicativi per la vendita al dettaglio del Miele della Valtellina. Questi prezzi saranno posti al vaglio del Consiglio Direttivo dell'APAS a raccolta finita, per essere modificati, o ufficializzati. La nostra speranza è che si possa giungere presto ad un coordinamento con le associazioni collegate con noi per proporre indicazioni comuni sui prezzi minimi al dettaglio del Miele della Lombardia per il 2018. Al riguardo siamo già in contatto con gli amici dell'Associazione di Como e Lecco per tale fine.
Cosa intendiamo per prezzo MINIMO per la VENDITA al DETTAGLIO
E' il prezzo sotto il quale consideriamo antieconomica la vendita poiché non riconosce i costi di produzione, il lavoro dell'apicoltore, il tempo impiegato, i rischi presenti nell'allevamento di un animale così delicato e sensibile, i costi e il tempo che anche la commercializzazione comporta.
Per prezzo minimo di vendita intendiamo quello che l'apicoltore deve praticare e proporre nei contesti in cui vende direttamente come, ad esempio, nelle bancarelle dei mercati e mercatini per non creare una concorrenza sleale nei confronti dei colleghi e per non svilire l'immagine del Miele della Valtellina. Una guerra al ribasso dei prezzi fra apicoltori è assurda perché non si potrà mai raggiunge il "sottocosto" della Grande Distribuzione Organizzata (GDO) che propone prodotti spersonalizzati, senza identità e senza la cultura, senza la passione, l'igiene, la cura e l'attenzione che sono i componenti fondamentali dei nostri mieli.
Ovviamente il prezzo "all'ingrosso" è differente ed è legato alla complessità della contrattazione fra le parti che è soggetta a diverse variabili. Il prezzo da praticare invece all'interno della propria rete di commercializzazione consolidata (ovvero "ai propri affezionati clienti" o i "clienti storici") dovrebbe prendere a riferimento il prezzo minimo di vendita al pubblico ed applicare poi una "scontistica" in funzione della quantità acquistata. Ad esempio 1 kg ogni 10 Kg acquistatati (sconto del 10%), 6 kg ogni 40 Kg (sconto del 15%) ecc.
Effettuata un'indagine specifica sull'andamento del mercato e sui parametri economici di riferimento, i prezzi indicativi proposti per Miele della Valtellina confezionato in vasi da 500 g sono:
Miele Millefiori di Montagna Euro 5,50
Miele di Acacia Euro 7,50
Miele di Tiglio Euro 6,00
Miele di Castagno Euro 7,50
Miele di Rododendro Euro 9,00
Alta Montagna Euro 8,00

Il prezzo minimo di vendita al dettaglio per la confezione da 1.000 g è il doppio di quello previsto per le confezioni da 500g meno Euro 1,00 (esempio Miele Millefiori Euro 11,00 - 1 = Euro 10,00.)
Il Consiglio Direttivo dell'APAS, nel 2017 ha previsto che gli associati che in occasioni di fiere, manifestazione, o mercati espongono prezzi di vendita al pubblico inferiori ai prezzi minimi sopra esposti saranno soggetti ad un richiamo scritto e, se recidivi, l'interdizione al servizio di smielatura per due anni.
Buon invasettamento e buona vendita a tutti!!!
07/06 Trattamenti insetticidi nei vigneti

Nel bollettino n. 7 dedicato allo Scaphoideus titanus, vettore della flavescenza dorata della vite vengono riportate le indicazioni contenute nel Comunicato regionale n. 95 del 5/06/2018 sui trattamenti insetticidi previsti nei vigneti. Per un esaustiva informazione circa i principi attivi consigliati, le zone interessate e i calendari dei trattamenti riportiamo integralmente il notiziario tecnico nella sezione "I Progetti" e quindi "informazione" file 7 vite-Bollettino Scaphoideus titanus
invitiamo gli apicoltori che hanno apiari vicino alle aree viticole a prestare la massima attenzione e a verificare l'eventuale mortalità anomala di api
05/06 Nota tecnica

La fioritura della Robinia si è esaurita o è in via di chiusura anche alle quote più alte dove si spinge questa pianta. E' il momento quindi di fare un bilancio. In Valtellina ma un po' in tutta la regione Lombardia la situazione si presenta a macchia di leopardo. Le produzioni medie variano da un melario a tre melari. Quindi siamo ritornati in una situazione di normalità: produzioni soddisfacenti o pienamente soddisfacenti dopo diverse annate negative ed in particolare dopo 2017 che ci ha privato pressoché totalmente di questo raccolto.
I migliori riscontri sono segnalati soprattutto nella fascia prealpina ma anche in Valtellina, in alcune zone la raccolta è stata più che soddisfacente. Le piogge infatti sono state frequenti, quasi quotidiane, però hanno dato spazio a schiarite che permettevano alle api di lavorare; le temperature e l'elevata umidità hanno inoltre incentivato un abbondante produzione di nettare e quindi creato ottime condizioni per una buona raccolta. Tale situazione ha però accelerato lo sviluppo della vegetazione anticipando così, in modo sensibile importanti fioritura. Attualmente intorno a Sondrio è iniziata la fioritura del Rovo e sta iniziando quella dell'Ailanto. Ci vengono segnalate già dei fiori aperti del tiglio ibrido e qualche castagno che ha iniziato già la fioritura. Buon raccolto a tutti.
31/05 Variazioni di peso dell'alveare campione nel mese di MAGGIO 2018

Rilevazioni di Marco Moretti

02 maggio Kg 46,90 +0,00
03 maggio Kg 47,10 +0,20
04 maggio Kg 47,10 +0,00
05 maggio Kg 47,30 +0,20
06 maggio Kg 48,30 +1,00
07 maggio Kg 57,00 +8,70 + 1 melario, parziale giornaliero +2,00 Kg
08 maggio Kg 58,70 +1,70
09 maggio Kg 60,50 +1,80
10 maggio Kg 62,90 +2,40
11 maggio Kg 64,00 +1,10
12 maggio Kg 69,10 +5,10
13 maggio Kg 71,00 +1,90
14 maggio Kg 52,60 -18,40 - 1 melario
15 maggio Kg 56,30 +3,70
16 maggio Kg 59,20 +2,90
17 maggio Kg 61,70 +2,50
18 maggio Kg 63,50 +1,80
19 maggio Kg 64,00 +0,50
20 maggio Kg 64,40 +0,40
21 maggio Kg 66,40 +2,00
22 maggio Kg 61,70 -4,70 - 1 favo covata
23 maggio Kg 62,80 +1,10
24 maggio Kg 63,30 +0,50
25 maggio Kg 68,60 +5,30 + 1 melario
26 maggio Kg 69,00 +0,40
28 maggio Kg 68,20 -0,80
30 maggio Kg 48,40 -19,80 - 1 melario
31 maggio Kg 48,00 -0,40
17/05 Un nuovo pericolo alle porte !?!

Il 13 maggio nel porto di Genova è stato trovato un esemplare di calabrone asiatico (Vespa orientalis). E' da sperare che non abbia nidificato altrimenti in Liguria si troverebbero contemporaneamente due tipi di calabroni specializzati nella caccia alla api. In Sicilia la Vespa orientalis è un problema molto serio che porta anche alla distruzione degli alveari.
Nel nostro canale youtube potete vedere un filmato dedicato a questo calabrone
Notizie più approfondite nel sito www.stopvelutina.it

pagina
https://www.stopvelutina.it/non-solo-velutina-il-calabrone-orientale-a-genova/
 
nereal.com . 05|18