Homepage
  Chi siamo
  Il sogno
  Gli obiettivi
  Il miele
  I nostri servizi
  Associarsi
  I Corsi
  Novità
  La rivista
  La Cooperativa
  I Progetti
  Dicono di noi
  Appuntamenti
  Fotografie
  Dove siamo
  Contattaci
  Link
  Miele.so.it
  Storia
  Pubblicazioni
  Libri
  Bacheca
 
 
 Novità  
In questa sezione potete trovare le novità e comunicazioni degli ultimi due mesi che riguardano la vita dell'Associazione:


22/01 Variazioni di peso dell'alveare campione nel mese di GENNAIO 2020

Rilevazioni di Marco Moretti (Chiuro - loc. Fracia)

03 gennaio Kg 29,10 -0,30
07 gennaio Kg 28,80 -0,30
15 gennaio Kg 28,30 -0,50
21 gennaio Kg 27,90 -0,40
16/01 CALENDARIO SEMINARI E INCONTRI DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

SABATO 25 GENNAIO 2020
"L'allevamento e la selezione di api regine"-seminario teorico-Broni (PV) ore 9.00-Docente: Marco Veneroni.

VENERDI' 7 FEBBRAIO 2020
"Idromele: la bevanda degli dei" - seminario teorico-Faedo, via Fumagalli 10, ore 20.30-Docente: Aldo Buiani.

VENERDI' 14 FEBBRAIO 2020
"L'allevamento e la selezione di api regine"-seminario teorico-Faedo, via Fumagalli 10, ore 20.30-Docente: Marco Veneroni.

VENERDI' 21 FEBBRAIO 2020
"Corso HACCP: pratiche di autocontrollo e compilazione del manuale"-Corso con rilascio attestato-iscrizione obbligatoria-Costo 20 €-Faedo, via Fumagalli 10 ore 20.30-Docente: Cristian Moretti.

VENERDI' 28 FEBBRAIO 2020
"Sistemi di prevenzione dei danni da orso-recinzioni elettrificate e dissuasori sonori: istruzione per l'uso e per il loro corretto mantenimento"-seminario teorico-Faedo, via Fumagalli 10 ore 20.30-Docente: Duccio Berzi.

VENERDI' 6 MARZO 2020
"Primo soccorso in apiario"-seminario teorico-Faedo, via Fumagalli 10, ore 20.30-Docenti: Lucia Folla, Gianfranco Lintas, Raffaele Lanzetti.

VENERDI' 13 MARZO 2020
"Patologie apistiche: facciamo il punto della situazione"-seminario teorico-Morbegno, via Cortivacci 2 presso Museo civico di storia naturale, ore 20.30-Docente: Franco Mutinelli.

SABATO 21 MARZO 2020
"Strategie di marketing"-seminario teorico-Faedo, via Fumagalli 10, ore 14.30-Docente: Stammelluti Ivan.

VENERDI' 27 MARZO 2020
Proiezione del filmato "Apicoltura in Valtellina" di Fabrizio Caltagirone e Italo Sordi-Faedo, via Fumagalli 10, ore 20.30.
14/01 Nota tecnica

L'amico Michele Martinelli segnala che ha riscontrato una rosa di covata appena deposta nell'alveare che ha controllato in un apiario posto a oltre 1400 m. di quota!! Già alcuni apicoltori avevano segnalato di aver riscontrato la presenza di covata in apiari posti a quota inferiore. Tutto ciò rende poca sicura l'efficacia di eventuale trattamento con Apibioxal "sublimato" come "verifica" o come "rifinitura" del trattamento effettuato in tardo autunno
11/01 Avviso

DOMANDA DI NOMADISMO: tutte le domande di nomadismo di chi ha fornito i dati al momento della denuncia anagrafica degli stanziali sono state presentate ad ATS e una copia vi è stata mandata via mail. Invitiamo quindi tutti gli interessati a CONTROLLARE la propria casella di posta, VERIFICARE la correttezza del documento e, in caso di mancata ricezione o errori, a contattare l'ufficio APAS. Ricordiamo invece, a chi sta ancora valutando il da farsi, che il termine ultimo per presentare la domanda scade il 31 GENNAIO
06/01 Nota tecnica

L'amico Luigi Pozzi ci ha inviato le immagini di cassettini antivarroa contenenti molti granuli di polline. L'apiario in questione è sito a Mazzo di Valtellino, a circa 650 m.slm !!! Il tempo stabile con giornate soleggiate, il cielo frequentemente sereno e terso e le temperature sopra la media hanno portato la vegetazione ad anticipare: nei giardini troviamo fiorito il profumato Calicanto (Chimonanthus Lindl), l'Erica (Calluna Vulgaris Seed) e il nocciolo (Corylus avellana). Per la diffusione che questa pianta ha in Valtellina, per la quantità di polline che produce, per la sua appetibilità da parte delle api è una fioritura particolarmente importante . E' inoltre una pianta rustica che si adatta a tanti ambienti e che quindi presenta una fioritura scalare che permette alle api un approvvigionamento abbastanza prolungato nel tempo. Ma è il periodo che fa giocare un ruolo chiave a questa fioritura: è pressoché l'unica fonte disponibile di polline ed è soprattutto il segnale che l'inverno è ormai alle spalle e che quindi gli alveari possono riprendere le attività: Il polline è infatti necessario per l'alimentazione della covata e la cospicua importazione è stimolata dalla sua presenza ed è al contempo uno dei principali stimoli per una maggiore deposizione. L'arrivo di api con polline e la sua presenza nel cassettino può essere considerato uno dei segnali indiretti che può far ipotizzare l'eventuale presenza di covata. Altri segnali da tener presente (oltre alla quantità di polline importata) sono, ad esempio, la presenza di uova e scaglie traslucide di cera cadute nel cassettino.
Come sempre succede in agricoltura una ripresa troppo rapida non è mai positiva. L'inverno non è alle spalle e gli abbassamenti termici sono dietro l'angolo. Famiglie che partono troppo presto sono maggiormente a rischio, bisogna seguirle ancora più attentamente per una molteplicità di fattori: per ora è bene che ogni apicoltore, tenga monitorati i propri alveari anche solo con l'osservazione del cassettino e dal traffico alle porticine.
30/12 Nota tecnica

L'amico Marco Bianchi segnala la presenza di rose di covata in diversi alveari del suo apiario. L'Ape Ligustica, rispetto alla Carnica tende più facilmente a ridurre o, addirittura ad annullare, il periodo di sospensione della deposizione, allevamento e cura della covata. Basta un periodo relativamente prolungato con tempo stabile e mite per indurre gli alveari ad uscire dal blocco di covata. Tre anni fa quasi non ci fu interruzione se non nell'autunno inoltrato con una ripresa della covata in dicembre (con una bolla di caldo eccezionale intorno a Natale), anche lo scorso anno ci fu una ripresa delle covate intorno a Natale ma poi le temperature tornarono, in breve, più congruenti al periodo e le covata furono nuovamente sospese. Le api controllano la deposizione delle regine con l'alimentazione ma anche con la rimozione diretta delle uova deposte: in inverno, e soprattutto nei primi mesi dell'anno, non è infrequente trovare nel cassettino antivarroa uova depose recentemente, cadute alle api che le avevano rimosse dalle celle.
29/12 Variazioni di peso dell'alveare campione nel mese di DICEMBRE 2019

Rilevazioni di Marco Moretti (Chiuro - loc. Fracia)

02 dicembre Kg 31,00 -0,20
08 dicembre Kg 29,90 -0,10
17 dicembre Kg 29,50 -0,40
28 dicembre Kg 29,40 -0,10
21/12 Auguri di Natale

Come è ormai tradizione, in occasione dell'ultimo giorno di apertura della Cooperativa e dell'Ufficio dell'APAS, organizziamo un piccolo rinfresco per salutarci e per scambiarci gli auguri. Siete i benvenuti!!! Via aspettiamo alle ore 11:00 di sabato 21 dicembre 2019 presso la nostra sede in via Carlo Besta, 1 - Sondrio.
La Cooperativa e gli Uffici dell'APAS ritornano operativi martedì 7 gennaio 2020.
AUGURI!!!
07/12 Chiusura degli uffici APAS e della Cooperativa

Si avvisa che in occasione delle festività natalizie l'ufficio dell'APAS e la cooperativa rimarranno chiusi da sabato 21/12/2019 fino a lunedì 06/01/2020. Si invita pertanto chi dovesse ancora regolarizzare la sua posizione con la denuncia degli alveari (che va effettuata ENTRO il 31/12/2019) a contattare l'ufficio prima della chiusura.
01/12 Propolis

La Propoli è, fra i prodotti dell'alveare, probabilmente quello meno conosciuto. E' una miscela di cera e resine elaborata dalle api che ha molte proprietà e, soprattutto in passato, veniva attivamente utilizzata per molti impieghi (da mastice per le potature a quello per le botti e fusti in legno, da componente di fuochi d'artificio a quello dei profumatori d'ambiente, da vernice per mobili a componente di impasti per chiudere buchi dei tarli ecc.). Gli utilizzi più interessanti sono quelli della medicina popolare e per la cura della persona. E' infatti considerato un antibiotico naturale, un efficace cicatrizzante ed un ottimo prodotto protettivo e lenitivo per le parti infiammate (ad esempio per il mal di gola). Attualmente le preparazioni a base di questo prodotto possono essere realizzate, per la commercializzazione, solo da aziende erboristiche condotte da figure specializzate. Spesso i giovani apicoltori chiedono informazioni circa le percentuali per la preparazione delle tinture per autoconsumo. Ricercando un po' nella letteratura di settore ma soprattutto consultando gli amici di ampia e lunga carriera (noi anziani insomma :-) non ho trovato formule precise affidabili. Tutti noi abbiamo prodotto tintura realizzando soluzioni sature stimando i rapporti fra quantità di propoli e alcool. Per diversi motivi. In genere viene utilizzato propoli di raschiatura dei melari che ha anche una certa dose di impurità e, quando invece è da rete (o da altro apposito accorgimento per la raccolta), il rapporto fra la componente cerosa e resina diviene ancora più variabile in funzione al periodo. Solo una frazione della propoli, inoltre, si scioglie in alcool e questo è anche influenzato dal tipo di resina raccolta dalle api. Il rapporto fra quantità di propoli e alcool deve essere quindi piuttosto alto, personalmente consiglierei almeno 1/3. Il tutto dovrebbe essere fatto riposare in un vaso di vetro tenuto in un armadio, al riparo della luce e scosso con energia e con una certa frequenza (ottimale una volta al giorno o almeno 3 volte a settimana). Già dopo un mese si ha un discreto prodotto, ottimale tre mesi).
La titolazione della soluzione deve essere fatta da un laboratorio o da un farmacia bene attrezzata. Nelle preparazioni domestiche e di autoconsumo non serve però avere questo dato e il grado di concentrazione viene valutato empiricamente lasciando cadere una goccia nel palmo della mano, e con il dito indice dell'altra accompagnare l'evaporazione della frazione alcolica e saggiare quindi, con piccoli colpetti, l'adesività della frazione resinosa rimasta nel palmo.
28/11 La cooperativa informa

RITIRO CERA E LABORATORIO: Si avvisa che potrete consegnare la vostra cera in pani per l'invio alla Cereria del Nord di Angelo Sommaruga, entro e non oltre la metà di febbraio 2020. Per chi invece volesse lavorarsi la propria cera, il laboratorio della Cooperativa sarà a disposizione fino ad aprile 2020. Per info e prenotazioni contattare l'ufficio.
27/11 Variazioni di peso dell'alveare campione nel mese di NOVEMBRE 2019

Rilevazioni di Marco Moretti (Chiuro - loc. Fracia)

01 novembre Kg 31,80 -0,00
06 novembre Kg 31,60 -0,20
10 novembre Kg 31,60 -0,00
16 novembre Kg 31,50 -0,10
21 novembre Kg 31,50 -0,00
26 novembre Kg 31,20 -0,30
26/11 OCM 2019-20

Nella sezione "I Progetti" e quindi "Normativa: Applicazione del Reg CE aiuti al Settore Apistico" sono riportati i riferimenti normativi della campagna di aiuti 2019-20 all'apicoltura: fondi CE e nazionali gestiti e regolamentati dalla Regione Lombardia
 
nereal.com . 05|20